Piastre, quale acquistare?

Piastra Plum Labor

 

La piastra, questa sconosciuta, ma in fodo è il tuo alleato quando devi uscire ed in cinque minuti dovresti essere perfetta!

Quindi non c'è dubbio, la piastra deve essere: affidabile, veloce nel riscaldarsi, e magari che non bruci i capelli.

La prima cosa da controllare e che non tutti sanno è il filo. Ad esso non gli viene data molta importanza, ma è molto rilevante in ambito della sicurezza, inoltre puo essere un campanello dall'allarme rivelandoci se la piastra sia davvero potente oppure no.

Il FILO: deve essere in "Silicone ignifugo" di un diametro non inferiore ai 5mm, per riconoscerlo è semplice: il silicone è un materiale che si presenta gommoso e opaco al tatto, ed il filo in silicone è perfettamente rotondo; l'altro tipo di filo, invece, quello da evitare è sottile, di forma ovale ed è di spessore inferiore ai 5mm. Quello che ci fa capire il filo è che un cavo sottile è sinonimo di piastra poco potente in quanto adatto ad una tensione elettrica più bassa. Un filo grosso fa passare una quantità di elettricità maggiore, quindi associato a piastre molto potenti.

IL MATERIALE: diffidate sempre dalle piastre con le matrici verniciate (la parte che si scalda), esse svelano che il materiale usato è soltanto ferro o acciaio verniciato, spesso con delle sostanze che fanno male ai capelli, ed inoltre col tempo si deteriorano e le parti colorate si staccano, le crepe così create sono dannose perchè ci si incastrano i capelli e potrebbero strapparli. La matrice quindi deve essere in ceramica, o meglio ancora in pietra, ma nel mondo di oggi le varie aziende vendono tante mosche, quindi toccate le matrici con le dite, vi accorgerete subito se il materiale è un materiale metallico oppure una pietra.

IL TERMOSTATO: il termostato deve esserci! Non è vero che la piastra rgola automaticamente la temperatura!! sarebbe una scoperta scientifica seza eguali!!! Quindi scegliete una piastra che abbia la possibilità di selezionare la temperatura piu adatta per i vostri capelli.

Detto questo, buona piastra a tutte.

 

Simone.